Ingrandisci carattereDiminuisci carattereReimposta carattere 


Facoltà di Medicina Veterinaria
Home arrow Presentazione della Facoltà arrow Profilo storico della Facoltà di Medicina Veterinaria
Profilo storico della Facoltà di Medicina Veterinaria PDF Print

La Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi di Messina fu istituita con Regio Decreto del 4 novembre 1926 n. 2042 da Vittorio Emanuele III e dal Ministro dell’Economia Nazionale, Belluzzo.
L’istituzione del Regio Istituto Superiore di Medicina Veterinaria venne pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del Regno d’Italia n. 286 del 13 dicembre 1926.
Il Regio Istituto Superiore di Medicina Veterinaria venne realizzato nei locali dell’ala destra dell’edificio del Civico Macello di Via S.Cecilia, messi a disposizione dall’allora Podestà di Messina, Comm. Giuseppe Li Voti. Il Rettore, prof. Rizzo, fu nominato Commissario e la struttura fu naugurata l’11 gennaio del 1927. All’inaugurazione vi parteciparono i proff. Ciaccio, Amantea, Mazzarelli, Zalla, Izar e Vinci, mentre per il primo biennio di vita del R. Istituto i Docenti furono i Proff. Virgilio Polara, Laureto Tieri, Emanuele Oliveri, Giovanni Ettore Mattei, Giuseppe Mazzarelli, Giuseppe Amantea, Gaetano Vinci, Carmelo Ciaccio, Concetta Scordia e Leonardo Preziuso.
La Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi di Messina fu istituita con Regio Decreto del 4 novembre 1926 n. 2042 da Vittorio Emanuele III e dal Ministro dell’Economia Nazionale, Belluzzo.
L’istituzione del Regio Istituto Superiore di Medicina Veterinaria venne pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del Regno d’Italia n. 286 del 13 dicembre 1926.
Il Regio Istituto Superiore di Medicina Veterinaria venne realizzato nei locali dell’ala destra dell’edificio del Civico Macello di Via S.Cecilia, messi a disposizione dall’allora Podestà di Messina, Comm. Giuseppe Li Voti. Il Rettore, prof. Rizzo, fu nominato Commissario e la struttura fu  naugurata l’11 gennaio del 1927. All’inaugurazione vi parteciparono i proff. Ciaccio, Amantea, Mazzarelli, Zalla, Izar e Vinci, mentre per il primo biennio di vita del R. Istituto i Docenti furono i Proff. Virgilio Polara, Laureto Tieri, Emanuele Oliveri, Giovanni Ettore Mattei, Giuseppe Mazzarelli, Giuseppe Amantea, Gaetano Vinci, Carmelo Ciaccio, Concetta Scordia e Leonardo Preziuso.
Nell’anno accademico 1928-29, Gaetano Martino iniziò il corso libero di Chimica fisiologica mentre il nuovo Commissario del R. Istituto, il prof. G. Vinci, ottenne l’attivazione del secondo biennio di studio e, quindi, il completamento del corso di laurea.
Nell’anno 1933 il Regio Istituto Superiore di Medicina Veterinaria venne trasformato in Facoltà di Medicina Veterinaria e il prof. Arturo Magliano fu il primo Preside.
In quegli anni i Docenti che maggiormente contribuirono allo sviluppo della Facoltà furono i proff. Leonardo Preziuso, Luigi Sani e Attilio Mensa, primi cattedratici della Facoltà.
La prima laurea fu conferita il 15 novembre del 1929 allo studente Gerolamo Morisciano, mentre nel 1930 si laurearono 7 studenti e fra questi Nino Pino. Nel 1931 conseguirono la laurea 10 studenti e fra questi Pietro Aiello.
Dal 1936 al 1940, ed in quelli immediatamente precedenti gli eventi bellici della seconda guerra mondiale, insegnarono a Messina personalità come i proff. Filippo Battaglia, Pietro Sartoris, Adelmo Mirri, Valentino Chiodi, Ugo Pagnini e Alfio Falaschini.
Nel primo semestre del 1943 i locali della Facoltà furono più volte colpiti dai bombardamenti angloamericani a causa della loro vicinanza alla stazione ferroviaria e nell’agosto di quell’anno la Facoltà fu trasferita nelle due sedi provvisorie della scuola elementare di Villafranca Tirrena ed in quella dell’Istituto di Biologia marina di Ganzirri. Presso la scuola elementare di Villafranca Tirrena il 19 giugno del 1943 si laurearono 13 candidati fra cui Ada Barbaro e Pietro Bronzetti.
I violenti bombardamenti angloamericani dell’11 e 12 agosto di quell’anno distrussero gran parte dei locali della Facoltà ed il museo anatomico. Pur con notevoli difficoltà le lezioni ripresero nel gennaio del 1944, il prof. Carmelo Ciaccio fu nominato Commissario della Facoltà per un brevissimo periodo e, successivamente, il prof. Pietro Aiello fu nominato Preside.
Nel Collegio dei Docenti entrarono a farne parte i proff. Giuseppe Passantino, Valeria Mazzetti e Santi Racchiusa ed i Dott.ri Ada Barbaro, Pietro Bronzetti, Nino Pino, Lorenzo Papaleo. La ripresa dell’attività didattica consentì, nel luglio del 1944, che 8 studenti si potessero laureare.
Negli anni successivi fu chiamato il prof. Bruno Romboli e nell’anno accademico 1950-51 furono chiamati a ricoprire le cattedre di numerosi insegnamenti i proff. Antonio Bonaduce, Aldo Romagnoli, Giuseppe Di Domizio, Pietro Bronzetti, Ada Barbaro, Lisimaco Casarosa.

Il Preside
prof. Giovanni Germanà